Risotto zucca, pecorino e briciola di pane.

Tostare il riso è una cosa unica. Avete presente? quel profumo che esce dal tegame e il calore che entra nei chicco. Uno alla volta. Si sente che iniziano a diventare croccanti e poi via con il risotto. Quando con le dita li senti caldi. E piano piano inizia una cottura che con i nostri tempi ci fa un po’ a cazzotti. perché noi siamo la generazione dei 4 salti in padella e il risotto non ama la fretta. E richiede attenzione, perché vuole che resti lì ad aggiungere il brodo. E non si può fare prima, va fatto espresso e anche questo per noi sempre tutti di corsa è un bel problema. E alla fine lo faccio pochissimo. E invece mi piace un sacco.

Continue reading “Risotto zucca, pecorino e briciola di pane.”

Di prime volte, tartare e fiori di zucca.

L’altra sera non potevamo uscire perché i bambini stavano male e quindi niente serata a due. Avevo il frigo invaso di fiori di zucca e non volevo buttarli. Ma di fare la solita pasta non mi andava e non so perché ma ho pensato di fare un tartare. Così ho comprato il tonno abbattuto e ho fatto la prima tartare della mia vita. Alla fine è proprio vero che la cucina migliore è quella fatta dagli avanzi. Dal desiderio di riciclare gli ingredienti per non buttarli. Che poi è la cucina della mia vita: da buona napoletana mia madre è la regina della frittata di maccheroni, del sartù di riso e di tutte le ricette della nostra tradizione alla cui base c’è il riciclo degli ingredienti. La creatività per dar loro nuova vita.

E poi ho scoperto che se apro il frigo e vedo cos’è che ha i giorni contati mi obbligo a creare ricette nuove, a provare e sperimentare. E la cosa è troppo divertente. Un po’ rischioso perché non so mai cosa ne verrà fuori, ma divertente. Quindi mentre i bambini riposano io perlustro il frigo e decido il da farsi. Di solito cerco di fare ricette che in qualche modo posso fare assaggiare anche a Bea, magari levando qualche ingrediente ma lasciando una base comune per semplificarmi la vita. Questa ricetta, invece, per i bambini non è molto adatta ma è talmente facile e rapida che non complica la vita. Nessuno di voi può dirmi che non ha tempo, perché davvero ci voglio dieci minuti per farla e il risultato sarà squisito e vi farà sentire un po’ come se foste andati in un buon ristorante di pesce. Continue reading “Di prime volte, tartare e fiori di zucca.”

Crema di ceci con gamberi allo zenzero

Ci sono degli ingredienti che ci conquistano al primo assaggio. Lo zenzero per me è uno di questi. Se a mia madre avessero detto che da grande avrei cucinato e addirittura mangiato qualcosa con lo zenzero, avrebbe riso di gusto. Perché io sono stata una bambina rompiscatole sul cibo. Una di quelle che scartava le vongole dalla pasta con le vongole, per capirci. Tornando allo zenzero, lo trovo geniale. Piccante, esotico e sfizioso. E quando alla scuola di cucina me lo hanno fatto scoprire in abbinamento ai gamberi e alla crema di ceci sono impazzita. Questa ricetta si presta per essere un antipasto, un primo o un secondo. Tutto dipende dalla quantità di crema di ceci che userete. Io l’ho servita come primo piatto ed è stato amore a prima vista. Continue reading “Crema di ceci con gamberi allo zenzero”

Polpette di ricotta e spinaci.

Scrivere di cucina mi piace troppo. Anche se cucino solo per amore, anche se non sono una vera cuoca.  Mi ricorda di me bambina in cucina a fare i compiti, mentre sul fuoco le pentole sbuffavano per il lavoro. Il profumo della pizza appena sfornata e quel calore che si crea solo in una cucina di casa. Perché è un misto di fuoco, passione, amore e fatica. Perché la famiglia è amore e fatica. Ho imparato che per tenerla unita ci vuole impegno e creatività, come in cucina appunto.

Ecco perché da qualche settimana sono tornata a scuola e mi sono messa a studiare. Ingredienti e ricette. Coltelli e pentole. E provare, provare e provare di nuovo. E adattare quello che imparo a scuola alla mia vita, alla mia famiglia e alla mia cucina.

E la prima ricetta che ho rifatto a casa è quella delle polpette di ricotta. Ammetto che a scuola è venuta molto meglio. Era più raffinata e alcuni ingredienti li ho cambiati dalla versione originale per adattarli anche a Beatrice o semplicemente perché non li avevo in frigo. Ma comunque ecco la ricetta, meno raffinata ma buona e facilissima.  Continue reading “Polpette di ricotta e spinaci.”